Di ritorno dall’Aquila

Ogni volta si può raccontare qualcosa in più. L’ultima che ho visto è la riapertura di via XX settembre.

Se avete mai visto un horror con una città deserta, potrete immaginare le case sventrate e puntellate, le transenne a due metri dai marciapiedi, con una corsia ad unico senso al centro strada, dove il passaggio prevede il divieto di fermata e l’obbligo di transito senza sosta.

Se vi fermate anche solo un attimo, vi strombazzano da dietro.

Via XX settembre è una strada che percorre per grandi linee il perimetro della zona rossa. È la strada che passa anche davanti la Casa dello Studente. Non ho potuto fare foto in velocità, e sinceramente neanche volevo. Per una volta ho vissuto quei posti dal vivo, senza reporting, per una visione tutta mia e solo mia. Tanto le vedete sempre in tv.

Riporto solo qualche nuova immagine, cose che non avevo mai visto, di case poggiate su pilastri polverizzati, crollate su se stesse schiacciando il vuoto delle arcate e tutto ciò che ci si poteva lasciare sotto: auto, bici, passeggini.

Alcuni hanno tentato il recupero di oggetti personali, abbandonandoli poi davanti all’edificio, non sapendo dove portarli.

Chi di voi ricorda il terremoto in Irpinia stenterà a credere che molte macerie sono state già rimosse, mentre anche una viaggiatrice distratta come me, vede crateri e vacui improvvisi nelle file di palazzi, e ricorda che al posto di quel cielo c’erano le finestre, con intorno i palazzi.

Ecco: la Casa dello Studente è ora un cubo vuoto sottoterra, dove spunta ancora qualche fondazione, con mezza traversa ancora attaccata vicino. Non c’è più nulla, lì, ora, nemmeno la polvere di quel che era rimasto. Sul colle di Roio, diventato famoso per la scritta “Yes, we camp”, a campeggiare attualmente è un funesto annuncio:  “COMPEL LICENZIA”.

Molti soldi sono già stati spesi. Circa 10.000 posti negli alloggi tipo quelli che avete visto inaugurare al Presidente del Consiglio, quando faceva roteare le chiavi di casa in faccia al bambino, sono stati assegnati. Il 70-80% circa dei senzatetto vive negli attualmente negli alberghi, più della metà sulla costa.

Nei piccoli paesi circostanti, villaggetti di casette prefabbricate sorgono ovunque, dopo interminabili risse sui terreni da utilizzare.

Hanno di nuovo luce, gas, acqua.

Il terrore ora è che i soldi siano finiti. Non solo per la ricostruzione VERA della città: il centro è deserto, così come tutti i quartieri residenziali insistenti sui primi dei 15 chilometri di faglia sulla quale si è costruito indiscriminatamente, nonostante i divieti, alcuni dei quali risalenti al Medioevo…! Ma anche per chi non ha perso la casa, e non può comunque rientrarci a fare quei pochi lavori di semplice ristrutturazione, seppure a spese proprie.

Nel frattempo lo Stato paga vitto e alloggio a tutti. Ma passata l’emergenza, c’è confusione e foschia sul tema più importante: far rivivere L’Aquila, che attualmente, specie di notte, appare semplicemente come un viatico di lampioni tra muri crepati e mattoni in pericolo di crollo.

Da irpina so che è stato bello sognare, nei giorni successivi al terremoto, che le cose sarebbero tornate subito a posto. Sarebbe stato un riscatto anche per noi, alcuni dei quali viviamo tuttora in prefabbricati. Ma si vede che non eravamo del tutto fessi, se a trent’anni di distanza il Corso Vittorio Emanuele porta ancora i segni dei crolli tra un palazzo e l’altro, e se i quartieri dormitorio, costruiti negli anni successivi, stanno cadendo a pezzi per l’usura, con la gente che ci abita ancora dentro.

Non eravamo fessi, solo terremotati.

Come questa gente qui, che tiene duro, ride in faccia alla morte, sfugge alla ricerca di facili scoop da parte di giornalisti commiserevoli, e già il 7 aprile pensava al futuro.

Annunci

~ di Gli stregatti di Maria Elena Napodano su febbraio 19, 2010.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: